lunedì 23 gennaio 2012

giocare


Alle differenze di genere, non ci ho mai creduto troppo. Per cui, appena se ne presentò l'occasione, al mio piccolo Giacomo regalai una bambola. Il tenero piccino le staccò la testa e scoprì che le bambole hanno la testa vuota.
Ma io non demorsi. Man mano che la famiglia si arricchiva di minuscoli maschi, io arricchivo l'inventario dei giochi con: una cucinetta (che finì smontata e abbandonata in giardino); servizi di tazzine, piattini e pentoline (usate, quest'ultime, per preparare puzzolenti e magiche pozioni); una casetta da sogno a misura di bambina (il tetto va benissimo come scivolo).
Vero è che non amano né pistole né palloni.
Con l'ultimo arrivato, ho ceduto. Macchinine, solo macchinine. E lui cresce felice cantilenando vroom-vroom e mi aiuta perfino a liberare la lavastoviglie.

Dalla lettera di Giacomo a Santa Lucia: "Carissima, vorrei tanto i lego ninjago. Tutti i maschi li hanno. Grazie".
- Come "tutti i maschi"?
- Ah, scusa, correggo subito. "Tutti i maschi della mia classe", intendevo.
Lego. Lego dappertutto. Lego ovunque.


- Mamma, possiamo scavare una buca in giardino?
- No.
- Una buchetta piccola piccola? Dobbiamo costruire una trappola per le bestie feroci!
- Che sia piccola, però. (In fondo, il giardino è anche loro... e poi il prato è tutto da rifare... e poi se devono costruire una trappola...).
- Ci mettiamo dentro anche un pezzo di formaggio!
- No, il formaggio no! Più che le bestie feroci, attirerete qualche grasso topone!
- Così tu sarai contenta.

Le buche nel prato per catturare topi, leoni e serpenti.
L'alta e ombrosa magnolia. A volte un rifugio per scimmiette che si arrampicano sui suoi rami per fare merenda con una banana. Altre volte un vascello pirata che, a lenzuola spiegate, veleggia incontro a mirabolanti avventure.
Stoffe colorate e di ogni misura: tende, mantelli, turbanti, tappeti volanti.

I miei bambini giocano. Giocano, inventano, imparano.


Con questo post partecipo all'iniziativa di Palmy.


Powered by BannerFans.com

Ps: perché questa foto sconclusionata? Picnik chiude e le funzioni "premium" sono gratuite. Come resistere e non giocare un po'?

25 commenti:

  1. come desidero un giardino!!!
    sono troppo forti i tuoi bimbi
    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Da noi macchinine a tutta randa, ma anche qualche pentolino e tazzina per portare il caffè alla mamma. A Natale, passando nei centri commerciali, Simpatica Canaglia aveva ventilato la possibilità di chiedere una lavatrice giocattolo, "Ma va là" gli ho detto io "Quando vuoi ci puoi aiutare a infilare dentro i panni a quella vera e a stenderli" detto fatto. Bel risparmio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! ;)
      Devo dire che tutti quegli scaffali da "piccole casalinghe" non mi piacciono granché... però le bambole sì!

      Elimina
  3. Le macchinine vanno tanto anche qui, Letizia ha un parco macchine da invidia e ultimamente si immerge nella lettura di "Al volante"... Oggi ho trovato Diletta arrampicata sul mobile della sala... si era costruita una scaletta di giocattoli... no comment :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da piccole, le mie sorelle ed io, giocavamo tantissimo ad indiani e cowboys!
      A volte riescono a rendere pericoloso anche il gioco più innocuo... quando si rintanano nella loro camera e diventano silenziosi, tremo!

      Elimina
  4. Che bella, la fantasia dei bambini!!! E' inutile, la differenza di genere tende ad emergere da sè. Da noi primeggiano i giocattoli "da femmina", che però il mio Giovanni trasforma a modo suo: il set da dottore diventa un perfetto travestimento da Aladino; i fiori di peluche, delle frecce da scagliare, una scopetta... una grande spada!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pienamente d'accordo con te. L'ho trovato strano, mio marito ed io non abbiamo mai spinto in una direzione particolare, ma loro, tendenzialmente, sono attratti di cosiddetti "giocattoli maschili".

      Elimina
  5. devo sbrigarmi a sbizzarrirmi anche io con picnik finchè posso.... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei ormai giocano solo con il pallone e pensano solo al calcio. Qualche tempo fa, dopo cena, mi sono offerta di leggere loro una fiaba.Risposta? Domani mamma, oggi c'è il derby!

      Elimina
    2. busy: hai tempo fino alla fine di aprile... ;)
      Roberta: proprio roba da maschi! :)

      Elimina
  6. Patasgurzo quando aveva due anni se ne andava fiero in giro con il suo passeggino....ma dentro ci metteva una palla. Lui è fissato con il calcio e il basket. Punto. Adesso ogni tanto per fortuna gioca anche con il lego....ma i giochi di fantasia proprio non fanno per lui, e questo mi rattrista sempre un po'.....la notizia della chiusura di Picnik mi ha rovinato un'intera giornata...ma anche io mi consolo con il premium gratuito :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giacomo ha iniziato basket quest'anno, però è un po' tiepido al riguardo...

      Elimina
  7. I bambini sono fantasiosi, creano ed è una cosa stupenda!
    Sempre meglio che lasciarli ore e ore davanti alla Tv.
    Ciao, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi la televisione non ce l'abbiamo neppure...
      un abbraccio a te!

      Elimina
    2. Davvero? Io ero abituata a tenerla sempre accesa, ma con la piccola ne sto limitando l'uso al minimo. Totalmente senza non credo ci saprei stare :-)

      Elimina
  8. Bè vedo che per demordere a bambole e annessi hai dovuto aspettare il quarto ...allora io ho tempo ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'e tempo... :) e poi non è detto, un mio amico d'infanzia con le bambole ci giocava!

      Elimina
  9. Sono molto sensibile alla questione dei giochi di genre, credo che sia più che altro un'abitudine inconsulta e borghese... mi piace di questo tuo racconto che il gioco sia soprattutto libertà di inventiva!

    RispondiElimina
  10. Imparano anche quando noi adulti non capiamo "cosa".
    Che i bambini abbiano i propri personalissimi gusti, niente da obiettare. Mi fanno orrore gli scaffali di piccoli elettrodomestici ROSA. Un gioco, un destino?

    RispondiElimina
  11. Per cosolarti da noi le bambole le hanno tutti e le calcolano poco tutti, la culla regalata dai nonni l'h fatta volare tanto ero stufa di trovarla smontata, la cucina serve per tante cose ma non ho ancora capito bene cosa, le stoviglie son le vettovaglie da portare in montagna e a volte per un pic nic in corridoio...per i due grandi mi aiutano ad apparecchiare e a fare la lavatrice o a stendere... ormai quando mi chiedono cosa voglio per regalo chiedo solo più colori e fogli, le uniche cose che hanno un senso qui!

    RispondiElimina
  12. Scarseggiavi di premi,vero? Eccotene un altro!

    RispondiElimina
  13. Hai voglia a non fare differenza di genere, ma il maschio gioca in un modo e la femmina in un altro, non importa cosa gli dai! Poi, può capitare che la femmina se è l'ultima dopo due maschi si "scavalli" un po', tanto per usare un neologismo...deve pur difendersi!
    Un premio per te ce l'ho anche io, lo sapevo che non ti mancavano, ma sei troppo forte! passa da me, appena puoi. Ciao.
    http://wwwmammadibea.blogspot.com/2012/01/il-mio-blog-e-stato-premiato-tre-volte.html

    Cavolo, che spavento! Mentre scrivevo c'è stata una scossa di terremoto...

    RispondiElimina
  14. Da noi solo Barbie e Polly e accessori rigorosamente rosa!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...