mercoledì 13 giugno 2012

Crac!

E' notte fonda.
Tre tizi, accasciati su di un letto matrimoniale, stanno dando fondo ad una vaschetta di gelato al cioccolato.
Avviciniamoci.
I tre tizi sono un papà, una mamma, un bambino.
Avviciniamoci ancora un poco.
Il papà e la mamma sono i signori 6cuori. Il bambino è Orlando. Tutti e tre hanno un'aria stravolta. Il gelato sta per finire. La mamma pensa che non tutto è perduto, rimane il barattolo della nutella. Adesso manda il papà in cucina a prenderlo, decide. Ma un urlo la distoglie dal consolatorio proposito.
- Mamma, mamma, grattami, grattami, grattami!
La mamma molla il cucchiaio colmo di gelato e afferra la gamba del bambino. Gratta l'unica cosa che si può grattare: la punta dell'alluce. Già. La gamba di Orlando è ingessata. Tutta.

Il fattaccio.
Ultimi giorni di scuola. Il debutto del coro di mamme. Il mercatino per la raccolta fondi. Un turbinio di recite e feste.
Compleanno al parco giochi. I bambini 6cuori e la loro mamma smontano dall'opel tutti eleganti. Fanno gli auguri ai festeggiati e poi non c'è nemmeno il tempo di assaggiare un pasticcino: una femmina (!) di nove anni piomba con la bicicletta tra i bambini. Un aggrovigliarsi di raggi, pedali, braccia e gambe. A terra resta Orlando, che ulula come un calciatore.
Dopo quindici minuti Orlando non muove ancora la gamba. Disdegna perfino una fetta di torta alla panna. E qui, mamma 6cuori comincia a preoccuparsi.

Le mamme.
Portano una coperta per adagiarvi Orlando. Corrono a casa a prendere del ghiaccio. Offrono bibite e consigli.
- Sarà frattura? Magari a legno verde.
- Il papà di E è radiologo, lo faccio avvicinare...
- Sì, magari ha i raggi X portatili!
- Io lavoro in ospedale, adesso tiro la gamba e vediamo...
- Giù le mani dal mio bambino!
- In ospedale ci lavoro anch'io. Ti accompagno al Pronto Soccorso.

I fratelli.
Elia sistema i tovagliolini di carta bagnati sulla gamba di Orlando.
La mamma, che non ha occhi che per Orlando, si dimentica di avere altri figli, di cui un duenne, sparsi per il parco. Leonardo si occupa di Elia, lo sistema sull'altalena e lo fa andare su e giù, su e giù.
Giacomo porta l'acqua, porta i cuscini e ingessa anche la gamba di Papu, il fedele orsetto di Orlando. Con la sua nuova macchinetta digitale, fa al fratello centinaia di foto, non ci scorderemo di questi momenti.

Le amiche.
Le amiche si portano a casa Giacomo, Leonardo ed Elia quando la mamma corre all'ospedale.
Le amiche si fanno trovare all'uscita dalla sala gessi, alle nove di sera, quando, finalmente, Orlando e la sua mamma, dopo la Sala d'Attesa, il Pronto Soccorso, la Sala d'Attesa, la Sala Raggi, la Sala d'Attesa, il Reparto Ortopedia, dove tutti sono stati molto gentili, sono pronti per tornare a casa.

Il papà.
Il papà torna a casa alle 21,30. A vedere il suo figlioletto adagiato sul divano con la gamba tutta bianca, quasi gli viene un mancamento.
- Perché non mi hai avvertito, chiamato al lavoro, fatto tornare a casa?

Queste femmine. Hanno fatto proprio tutto loro. Dalla a alla z.



38 commenti:

  1. Tutto è bene quel che finisce bene... ma che spavento!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finirà a metà luglio... dobbiamo solo trovare tante cose da poter fare seduti!

      Elimina
  2. Ma che brava questa mamma !!!!! Hai gestito la situazione benissimo ...e i fratelli!!!!! Insomma ragazza hai una famiglia di cui essere orgogliosa e scommetto che la regista sei tu!! Auguri al piccolo .... Povero piccino l' estate con il gesso e' terribile!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ma in realtà sono fortunata. Di gesso non ne so nulla, quindi affrontiamo la situazione giorno per giorno.

      Elimina
  3. povero piccolo.....
    Sii felice di avere queste Amiche con la A maiuscola.. non è facile trovarle e si vede sempre nel momento del bisogno!!
    Trova il lato positivo per il bimbo!!
    Un bel dipinto a 12 mani sul suo gesso bianco!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Delle amiche per davvero! Hanno sostituito il gesso con la vetro resina il giorno dopo, che è più leggera ma non ci si può disegnare sopra!

      Elimina
  4. W le donne, w le amiche. Un bacino ad Orlando e uno a Papu :-)

    RispondiElimina
  5. ciao!!
    capito qui dal blog di Stelle gemelle incuriosita dal tuo nick.... e dall'immagine vedo che si, avevo inteso giusto: hai proprio 4 figlioli.

    Complimenti!
    Io sclero con due.... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta! Ah, ma anch'io sono impazzita da un pezzo...

      Elimina
  6. Viva le donne e la loro carica (tutte, anche quella impavida con la bicicletta.....)!

    Buona guarigione,

    RispondiElimina
  7. Appena letto del gesso ho detto : nooooooooo!

    e poi alla fine una lacrimuccia è scesa ...momenti da dimenticare ....

    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Un abbraccio. E' il primo gesso di famiglia!

      Elimina
  8. La prima cosa che ho pensato è stata: povero Orlando :-(
    La seconda: hai dei figli fantastici, Leonardo che si occupa di Elia, Giacomo che si prende cura del pupazzo (è un metodo che da qualche anno viene realmente usato in pediatria, dopo anni di studi e ricerche, i bimbi invece ci arrivano da soli!). E il merito è dei genitori inn gamba che si ritrovano, quindi complimenti a voi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da una dottoressa... s'imparano sempre cose nuove! Ed è vero che i bambini hanno una sensibilità che noi adulti abbiamo perduto.

      Elimina
  9. Povero Orlando!!!
    Conosco benissimo la situazione calata nella stagione estiva: ci vorranno molta pazienza, molto gelato e molta Nutella... Noi ci siamo passati lo scorso anno, quando la mia Camilla si fratturò la clavicola in vacanza.
    Forza e coraggio: il peggio è già passato! Bravissimi tutti: mamma, fratelli, amiche e incidentato. In particolare, coraggiosissima tu, a non avvertire subito-immediatamente tuo marito, come la maggior parte di noi avrebbe fatto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povera la tua Camilla! A noi le vacanze saltano, ma l'importante è passare meglio che si può il periodo del gesso...

      Elimina
  10. mi verrebbe da dire.. orlando beato tra le donne!! ma poi visto che i suoi fratellini l'hanno aiutato e ingessato anche l'orsetto... dico beato Orlando tra tutti voi che siete stati tutti bravissimi.. e adesso chissà quanti pasticci su quel gesso...
    niky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso il difficile è sopportare i suoi malumori ;)

      Elimina
  11. Sono così dispiaciuta!!!Per esservi vicino penserò a qualche idea da realizzare da seduti, solo per Orlando!Cucciolo!

    RispondiElimina
  12. Nuuuu. Ho passato 40 giorni di gamba ingessata in luglio e agosto quando avevo 16 e ho presente il gratta gratta. Però mi ero costruita un uncino da infilare sotto il gesso per arrivare nell'impensabile.
    Sono assolutamente impressionata dai tuoi figlioli ... wow che lavoro di gruppo!
    Per il marituccio, pazienza anche se non è stato fondamentale, reggerà il colpo.
    Abbracci abbracci

    RispondiElimina
  13. Povero Orlando, il gesso d'estate poi!
    Comunque complimenti a te e ai fratelli che han saputo comportarsi bene, hai proprio una bella famiglia!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Povero Orlando! .....ma vedrai che in un batter d'occhio si abitua al gesso, probabilmente molto prima di te! Per la grattarola in bel berro da calza.
    Un patabacio

    RispondiElimina
  15. @mammachegiochi: grazie, aspettiamo!
    @mammozza e patama: per Orlando sono 35 giorni. Avevo pensato al ferro da calza, ma la gamba è piegata e al polpaccio non ci arriverò mai! Il marituccio regge sempre... :)
    @ Monica: grazie!

    RispondiElimina
  16. Complimenti, io sarei andata nel pallone. O forse no: in realtà penso che noi donne abbiamo risorse insospettate.. altro che sesso debole!
    Speriamo che i 35 giorni passino in frettissima...

    RispondiElimina
  17. Mi dispiace per Orlando!!!E brava a te che hai gestito la situazione...io avrei sicuramente chiamato mio marito,pensa che sabato ho portato Patato al ps x febbre altissima e subito l'ho chiamato.

    RispondiElimina
  18. Nooo! Ma che sfortuna! Niente male come inizio vacanze!!! Però come sempre ve la siete cavati alla grande :D Sono sicura che troverai il modo d'intrattenerlo! Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Ma povero cuccioloooooooo :-((((((
    Senti..il ferro da calza lo puoi piegare e se fai la curva giusta riesci ad arrivare anche al polpaccio!
    Altrimenti potresti usare quei cavi/fili/boh di plastica degli elettricisti...non si rompono(così dovrebbe essere) ma si piegano benissimo per fare una curva.
    Forza le donne!!!!!!

    RispondiElimina
  20. Grazie, grazie a tutte! In questi giorni non riesco ad accendere il computer, scusate tanto.

    RispondiElimina
  21. Povero piccolo!!!!!!! Mi dispiace per lui (e per te). un abbraccio

    RispondiElimina
  22. Un bacione ad Orlando e alla sua grandiosa mamma !
    Mannaggia, questa cosa non ci voleva proprio :(

    RispondiElimina
  23. Ciao Come state?? E la gambina di Orlando come va??

    RispondiElimina
  24. Grazie e scusate tanto l'assenza! Stiamo bene, ci godiamo le vacanze nonostante il gesso! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...