lunedì 14 marzo 2011

il pollo numero due

C'era una volta una gallinella vagabonda che, cinque anni fa, trascorse l'estate a svolazzare leggiadra nel vigneto confinante con il nostro giardino. Sopraggiunto l'inverno, complici la scarsità di cibo e i cacciatori che cercavano di acchiapparla, cedette al paziente richiamo dei miei bambini, che tutti i giorni la allettavano con del mais,  e venne ad abitare da noi.
Cominciò così un'allegra e pacifica convivenza.
Lei in giardino, tutto il giardino, e i miei bambini, i gatti, i cani a debita distanza.
 Era una gallinella dallo spirito libero, che sapeva quel che voleva.
Voleva dormire sulla palma. Non su di un altro albero più facile da scalare, non in una casetta di legno sopraelevata costruita apposta per lei. Proprio sulla palma. E il nonno munì la palma di scaletta.
Voleva essere una single. Un giorno capitò da noi, randagio pure lui, un bellissimo e altero gallo nero, ma durò poco. La nostra gallinella proprio non ne voleva sapere, così il gallo un bel giorno se ne andò in cerca di pollastre più consenzienti.
Voleva i bomboloni alla crema di mio figlio:
- Mamma, la gallina è saltata sul bracciolo della sedia. Sta guardando il mio krapfen!
- Scacciala via, che sarà mai.
- Mamma, mamma! La gallina è scappata con il mio krapfen!
Voleva i pomodori del nostro mini orto:
- Senti Cocò, parliamoci chiaro, i pomodori sono per noi, i vermi e le lumache li mangi tu.
- Co-cò.
- Ecco, brava.
Voleva entrare in casa per becchettare le briciole sotto il tavolo:
- Fila fuori gallinaccia, altrimenti ti metto in pentola!
- Mamma, che schifo, ha fatto popò sotto il tavolo!
- Ecco, che bellezza.
Cocò faceva anche delle piccole e deliziosa uova bianche. E qualcuna l'abbiamo anche mangiata:
- Mamma, mamma, la gallina ha fatto l'uovo, guarda!
Splash.
- Ops...Mi è scivolato.

 Non è mai finita in pentola, naturalmente. Se ne è andata una calda notte d'estate. I miei bambini l'hanno seppellita sotto la sua palma.

PS: continuate a votare qui a fianco!


RDTQUW8R7BR8 technorati

19 commenti:

  1. Incredibile come ci si possano avere 4 figli ed essere affascinati e attratti dalla vita e le abitudini di una gallina !!!
    Gli animali ci fanno davvero tanta compagnia, epiù sono buffi più sono simpatici!

    RispondiElimina
  2. Che bello potrei copiare l'idea e farne una storiella...avessi tempo. Ma non si sa mai, mi cedi i diritti? Ah ah ah (se non si capisce, era una risata)
    Ciao silvia

    RispondiElimina
  3. sei fantastica, d'ora in poi ti seguirò sempre
    http://www.nonnasidiventa.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. Bellissime le tue storie sui polli! Aspetto con ansia la prossima!!!

    RispondiElimina
  5. grazie a tutte e tre, davvero troppo gentili.

    RispondiElimina
  6. Mi piacciono proprio questi polli.Mille ciao!!

    RispondiElimina
  7. Mannaggia...e tu con quattro figli trovi pure il tempo di accudire una gallina..per fortuna a me non è mai capitato non amo molto i pennuti in generale e sapere di averne uno che mi gironzola per caso mi metterebbe un po' di ansia!!! Complimenti a te invece!!!

    RispondiElimina
  8. Macché accudire...Si arrangiava la polla! L'unica era che a volte diventava un po' invadente!

    RispondiElimina
  9. Questo pollo almeno ha un lieto fine!

    RispondiElimina
  10. finalmente un po di tempo per sbirciare il mondo dei miei nuovi sostenitori...ovviamente ti seguo sei super baci

    RispondiElimina
  11. quanto mi è piaciuta la tua descrizione nel profilo qui a fianco !!!! ^____^ e anche la storia della galinella !!!!

    RispondiElimina
  12. La storia di Cocò è davvero bella ed è bello che i tuoi bimbi abbiano avuto l'opportunità di viverla. Compreso il seppellimento sotto la palma.
    Confermo che sei una mamma con i fiocchi... e pure la cresta, direi (hi hi hi)

    RispondiElimina
  13. A forza di parlare di Cocò mi è venuta la nostalgia...Vediamo se questa primavera porterà un pulcino...Femmina però! (Almeno i polli...).
    Grazie a tutte di essere passate di qua e aver dedicato un po' di tempo a i miei post.

    RispondiElimina
  14. Buonagiornata a tutte....!!!!
    La storia di Cocò è proprio carina...io invece più di collezionare famiglie di lucertole con pargoli nel mio giardinetto non riesco a fare...e detesto le lucertole, mi fanno proprio senso pur non avendo nessun timore, per esempio, per ragni, affini etc etc...proprio l'altro giorno, il sole ha fatto capolino per qualche ora ed eccola!!!!! La prima lucertola della stagione!!!! Orrore!!! Il fatto è che me le ritrovo proprio davanti alla porta e non riesco ad affrontare questa cosa...mi hanno consigliato un gatto, ma l'idea che questo le cacci e mi porti i suoi trofei mi gela ancor di più!!!!
    Viva le galline temerarie e vagabonde!!!!!
    A presto,

    Spumiglia

    RispondiElimina
  15. @Spumiglia: bentornata! Come va il pupetto? Ti suggerisco una gallina: Cocò mangiava le lucertole. Uova e lucertole: due piccio ops polli con una fava!

    RispondiElimina
  16. Potrebbe essere un'idea!!!!!
    Sempre che il gatto dei vicini ( che ogni tanto s'insinua in giardino,) non ne faccia un pranzetto!!!:-)))
    Il pupo cresce,cresce:-)))Venerdì ho la prossima ecografia....

    Spumiglia

    RispondiElimina
  17. ciao! certo, puoi dividere in 2!
    BACI
    NINA

    RispondiElimina
  18. Ciao!!
    Ma come mai ti leggo solo adesso?? Il tuo blog è fantastico...e poi quando ho letto di Cocò...che invidia...avrei sempre voluto una gallina!!! Da adesso mi trovi tra i tuoi followers!! Ciao Viola

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...